La tradizione funebre in Europa orientale è guidata fortemente dalle credenze cristiane della chiesa ortodossa orientale.
La Chiesa ortodossa ufficialmente separata dalla Chiesa cattolica nell'anno 1054, evento storico è conosciuto come il Grande Scisma.


Oggi, la Chiesa ortodossa orientale è la seconda chiesa cristiana più popolare al mondo, con oltre 225 milioni di fedeli attivi.
Come suggerisce il nome, la chiesa ha sede in una regione europea orientale del mondo, ed è la religione predominante della maggior parte dei paesi lì situati.

Periodo di lutto per la tradizione funebre Ortodossa

Quando si tratta di onorare i morti, la religione e la tradizione funebre ortodossa prescrive molteplici cerimonie che sono significativamente sfalsate durante i primi 40 giorni dopo la morte.
Il terzo, nono ed quarntesimo giorno, in particolare, sono importanti per il lutto dell'Europa orientale. Si ritiene, infatti, che l'anima lasci il corpo al terzo giorno, lo spirito lasci il corpo il nono e il corpo cessi di esistere dopo il quarantesimo.

Scelta della disposizione del corpo:

La sepoltura è l'unica scelta:

E 'assolutamente necessario che per i cristiani ortodossi orientali essere sepolti dopo la morte, al fine di restituire i loro corpi di nuovo alla Terra.
Essi credono che l'anima in ultima analisi, si ricolleghi con il corpo al Giudizio Universale, in tal modo, eventuali riti funebri alternativi - come ad esempio la cremazione - sono esplicitamente proibiti dalla religione.

CORPO E PREPARAZIONE AL FUNERALE SECONDO LA TRADIZIONE FUNEBRE ORTODOSSA

La preparazione del corpo: nei primi tre giorni dopo la morte di qualcuno, devono essere rispettati tre passi importanti, tradizionalmente da amici e parenti, per preparare il defunto per l'aldilà.

Il corpo deve essere lavato accuratamente in un bagno caldo per pulire simbolicamente di tutti i peccati.
Il corpo viene poi vestito tutto di bianco, con abiti fatti a mano che rappresentano la purezza dell'individuo.

Inoltre, una cintura viene messa intorno alla vita, che è importante per la risurrezione al Giudizio Universale.

Il corpo è disposto in una bara aperta sia nella residenza di famiglia o di un'impresa di pompe funebri per un paio di giorni.
Questo tempo di inattività è importante, per paura di svegliare il morto prematuramente.


LA VEGLIA:

La notte prima del funerale, la famiglia e gli amici si riuniscono per vedere il defunto e iniziare il processo di lutto.

Durante questo evento, un momento di preghiera conosciuto come il primo Panikidha. In seguito, i partecipanti iniziano a leggere salmi dal Libro dei Salmi conosciuto come "Salterio" ad alta voce accanto alla bara.

Tradizionalmente, questa lettura continuerà incessantemente fino al funerale che inizia al mattino. Tuttavia, questa tradizione funebre è raramente praticata nella cultura ortodossa moderna.


IL SERVIZIO FUNEBRE:

Il terzo giorno è tradizionalmente quello dedicato al servizio funebre e la sepoltura.
Tenuto all’interno di una chiesa ortodossa, il servizio è centrato intorno al Trisaghion, che è un antico inno cristiano della Divina Liturgia.

Questo servizio di solito va da 40 a 60 minuti. I parenti sono vestiti di nero, grigio e con abiti da cerimonia funebre per l'evento.

Le donne a volte scelgono di vestirsi di nero per un anno intero in caso di morte prematura del marito o figlio.


LA SEPOLTURA:

Dopo le cerimonie in chiesa, gli uomini tradizionalmente portano la bara sulle spalle per tutta la strada fino alla tomba all’interno del cimitero.

Appena prima della sepoltura, un altro breve Panikhida è recitato.
Dopo la cerimonia di sepoltura, i cari consumano koliva, un tradizionale piatto di cibo di grano bollito misto con miele. Ciò può avvenire al cimitero o ad un pranzo che segue.

LA CURA PER L'ANIMA:

in tutto il processo della tradizione funebre, il corpo è sempre trasportato da un luogo all'altro.
Questa usanza è praticata al fine di scoraggiare l'anima del defunto di trovare la via di ritorno a casa e ritardare il suo passaggio verso l'aldilà.

Lo spirito, però, dovrebbe tornare a casa per i primi nove giorni dopo la morte. Per questo motivo, ci sono diverse riti legati alla tradizione funebre dell'Europa orientale che prevedono che venga lasciato fuori il cibo, l'acqua e vodka nella casa di famiglia durante questo periodo, nel rispetto dello spirito.

Al quarantesimo giorno, l'anima del defunto si crede possa aver ricevuto ilsuo giudizio e, infine, passi completamente verso l'aldilà.

A differenza nel cattolicesimo, non esiste il concetto di un paradiso e inferno.
Invece, si ritiene che tutti passino alla presenza diretta di Dio. Per gli amanti di Dio, questa esperienza sarà il cielo. Ma per i peccatori e non credenti, sarà un inferno.